Tempo di Grazia o di Disgrazia?

La giornata di ieri (domenica 8 marzo) è stata emotivamente impattante. Il Giorno del Signore senza incontrarci, senza salutarci, senza celebrare insieme l’amore del Signore, mi ha sbalestrato.
Il punto di svolta per me è stata una telefonata di Serena alle 10 che mi ha proposto di preparare velocemente un sussidio per la preghiera in famiglia, cosa che abbiamo fatto e abbiamo reso disponibile attraverso la pagina Facebook della Parrocchia.
Ho poi riflettuto tutta la giornata sull’importanza di ciò che avevamo fatto quasi d’istinto: avevamo accettato il fatto che una nuova situazione non possa essere affrontata con simulacri dei tradizionali strumenti (es. Messa alla televisione) e che la sfida era diventata quella di sperimentare cammini nuovi adatti alla nuova condizione ed espressione di una partecipazione viva e di un protagonismo vero del Popolo di Dio.
Smettere quindi di considerare questo tempo una “disgrazia” (la cui cifra più estremista è quella della punizione divina) per passare vederlo come un tempo di Grazia nel quale il Signore, togliendoci il conforto dei riti che ci rassicurano, ci costringe a ripensare da capo il nostro rapporto con lui e a riesprimerlo con modalità e linguaggi nuovi.
I vituperati social media in questa fase possono essere preziosi per mantenersi in contatto in tempi di isolamento, e anche come strumento di una ricerca comune di nuovi cammini che magari scopriremo intriganti anche quando tutto questo sarà finito.
Vi prego di considerare queste righe come il lancio di una riflessione che ho intenzione di lanciare su tutti i canali social della parrocchia e che affidiamo insieme all’assistenza dello Spirito. Grazie.

Don Luca Niccheri

2 Replies to “Tempo di Grazia o di Disgrazia?”

  1. Baldassare GRANO

    Caro Don Luca, se hai letto il mio commento, violento, alla Messa clandestina impostaci dalle autorità “civili”, avrai capito che anche questa ultima mia Parrocchia (ne ho cambiate tre, per motivi logistici, ovvero traslochi,in pochi anni), mi vede incapace, se non per poco tempo, di stare in nascondimento e di ascoltare . Era la mia buona intenzione. Ma non ne sono capace. Se vuoi, cancella pure il mio commento (questo e quello alla Messa) e ordinami di stare buono e zitto e di comportarmi da Cristiano. Ma se vuoi che Ti esprima sinceramente le mie opinioni, forse la Pace sarà più difficile, a Santa Maria, Madre delle Grazie, all’ Isolotto. Non è un semplice tempo di disgrazia, è l’ inizio della battaglia finale con l’ Anti Cristo. Questa influenza finirà, la crisi economica scatenata da questi assurdi provvedimenti continuerà e porterà molti più morti del Covid-19. Ma, soprattutto, non finirà la pretesa dei nemici della Chiesa di chiuderla ad ogni buona occasione. Magari per proteggerci. Oggi da un Virus poco più forte di quelli di una normale influenza stagionale, domani dal terrorismo, o chissà.

    • wp_1024674

      La ringrazio per il suo feedback. Abbiamo evidentemente diverse letture di questo tempo e probabilmente anche diverse esperienze di fede. Che dire, se non rifarsi all’antica massima citata sia da San Giovanni Paolo II che da Papa Francesco: «In dubiis libertas, in necessariis unitas, in omnibus caritas». L’altro suo commento, al quale fa riferimento, invece non è stato possibile pubblicarlo in quanto non pertinente all’argomento del post. Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The maximum upload file size: 10 MB.
You can upload: image.
Links to YouTube, Facebook, Twitter and other services inserted in the comment text will be automatically embedded.